Share Poll

Poll link

500 px
350 px
250 px
Preview

widget preview:

Width - px Height - px

Close preview
! You are using a non-supported browser Your browser version is not optimised for Toluna, we recommend that you install the latest version Upgrade
Our Privacy Notice governs your membership of our Influencer Panel, which you can access here. Our website uses cookies. Like in the offline world, cookies make things better. To learn more about the cookies we use, check out our Cookies policy.

Paolastella

  9 months ago

#Diritti delle Donne
Closed

Può una sedia diventare un caso diplomatico? Sì, soprattutto se si tratta di una sedia mancante, se in analoghe situazioni passate la sedia c’era e se la personalità cui doveva essere destinata è una donna. La stessa Ursula von der Leyen è rimasta “sorpresa” ieri quando ha visto che non c’era una sedia per lei all’incontro con il presidente turco Recep Tayyip Erdoğan. Solo due posti: uno per Erdogan e l’altro per il presidente del Consiglio Europeo Charles Michel, che però evidentemente non ha condiviso la stessa sorpresa della presidente della Commissione Europea, in quanto ha preso posto impassibile accanto al leader turco, lasciando von der Leyen nel suo sbigottimento. Il caso diplomatico c’è.
Von der Leyen ha deciso di andare avanti, dando priorità alla sostanza dell’incontro più che al protocollo”. La presidente della Commissione ha infatti accettato di sedersi su un divano di fianco alle due sedie in elegante stile regale di Erdogan e Michel.
Un incidente voluto? Perché il punto è questo: la sedia mancante per von der Leyen è un’altra mossa di disprezzo per i diritti delle donne da parte del governo di Ankara, dopo la decisione di ritirare la propria firma dalla convenzione di Istanbul sulla lotta alla violenza sulle donne? Come il caso diplomatico, anche il dubbio c’è, anche nella stessa Commissione europea.
Ankara non solo ripudia la convenzione di Istanbul ma si permette anche affronti come quello di ieri verso Von Der Leyen senza fornire spiegazioni.
L’incidente, dice il portavoce della presidente della Commissione, ha fornito “l’opportunità per parlare con maggiore vigore dei diritti delle donne e della convenzione di Istanbul”. Parole che confermano, in maniera diciamo ‘elegante’, il dubbio sul carattere sessista del protocollo scelto dagli interlocutori turchi.
Dice Michel. “Le poche immagini che sono state mostrate hanno dato l’impressione che sarei stato insensibile a questa situazione. Niente è più lontano dalla realtà, né dai miei sentimenti profondi. Né, infine, i principi di rispetto che mi sembrano essenziali. Al momento, pur percependo la natura deplorevole della situazione, abbiamo scelto di non peggiorarla con un incidente pubblico, e di privilegiare in questo inizio di riunione la sostanza della discussione politica che stavamo per iniziare, Ursula ed io, con i nostri ospiti”.
Io ritengo che questa azione abbia offeso non solo la Ursula Von Der Leyen, ma abbia offeso la comunità Europea tutta, il mondo intero, tutte le donne che ogni giorno subiscono violenze, tutte le donne che lottano ogni giorno per farsi rispettare, in famiglia, sul posto di lavoro, per strada. La nostra Von Der Leyen è stata grandissima, ha messo al primo posto la sua missione, grande. Io sarei andata via, ma lei no, è rimasta li a fare il suo lavoro. Buona giornata a tutti :-)
Reply

A9550966y95

  9 months ago
Se da un lato concordo, conoscendo Erdogan, non ci trovo nulla di strano in ciò che ha fatto. Dico però che proprio perchè si è trattato soprattutto di un atto politico prima che 'religioso', mi sarebbe piaciuto e non poco che la Von der Leyen e Michel si fossero 'impuntati' a chiedere l'immediato ripristino della normalità , ossia la presenza della terza sedia, minacciando, diversamente di andarsene!! Questo non come ripicca pura e semplice ma come risposta ad un comportamento 'impositivo' tipico di quella mentalità!!
0 comments

matteob97

  9 months ago
vero ,concordo pienamente
0 comments

Mariku93

  9 months ago
Concordo con ciò che è stato detto.
0 comments

G5508111n

  9 months ago
una bella lezione al femminile... ma quanto sarà stata dura resistere e non andare via!?!?
0 comments

paolamv

  9 months ago
No comment, lei una vera donna che ha dato uno schiaffo morale ai due "uomini" presenti..
0 comments

fragola54

  9 months ago
Assurda faccenda
0 comments

gloriamo77

  9 months ago
È scandaloso come nel 2021 la donna debba subire questi soprusi. Inoltre hai offeso il presidente (la presidente) dell'Unione Europea, a cui la Turchia aspira ad unirsi. Da donna mi indigna che in alcuni paesi nonostante le tante proclamate diritti e parità' di sesso, si assiste ad una scena del genere. Lei dopo un attimo di schiocchi si è seduta sul divano senza dar peso alla brutta figura del presidente turco, ma ancora più cafoni gli altri due, ok che per voi la donna non ha diritti di pensiero e parola, ma nemmeno educati, poiché il galateo impone prima far accomodare la donna e poi loro....magra figura di tutti e tre gli uomini.
0 comments

g2041901d20

  9 months ago
Purtroppo qui abbiamo a che fare con un modo di vedere la donna, come un essere inferiore. mentre la nostra V.D.Leyen ha dato una grande dimostrazione di saper tenere testa a chi non la pensa come noi per quanto riguarda il ruolo della donna.
0 comments

P5717860n

  9 months ago
ma
0 comments

S3135553g31

  9 months ago
una senora realmente
0 comments
Copied to clipboard

You’re almost there

In order to create content on the community

Verify your Email / resend
No thanks, I’m just looking

OK
Cancel
We have disabled our Facebook login process. Please enter your Facebook email to receive a password creation link.
Please enter a valid Email
Cancel
We're working on it...
When you upload a picture, our site looks better.
Upload