Share Poll

Poll link

500 px
350 px
250 px
Preview

widget preview:

Width - px Height - px

Close preview
! You are using a non-supported browser Your browser version is not optimised for Toluna, we recommend that you install the latest version Upgrade
Our Privacy Notice governs your membership of our Influencer Panel, which you can access here. Our website uses cookies. Like in the offline world, cookies make things better. To learn more about the cookies we use, check out our Cookies policy.

TeamTolunaItalia

  2 months ago

L'importanza di riconoscere i propri limiti.
Closed

Le Olimpiadi ci stanno dando grandi emozioni, tanti record prima mai visti e tante medaglie inaspettate.

Ma ci hanno mostrato anche l'altra faccia della medaglia dello sport e cioè quella della salute mentale e della pressione psicologica a cui tutti gli atleti sono sottoposti.

In particolare il ritiro dalla maggior parte delle gare di Simon Biles ha avuto una risonanza mediatica forte.

L'atleta, dopo essersi ritirata dalla gara a squadre ha dichiarato di aver dato la precedenza alla sua salute mentale.
In questo momento si è sentita psicologicamente fragile a causa del fatto che ha sofferto in passato dei 'Twiesties' : dei problemi di natura psicomotoria che fanno perdere l'equilibrio durante l'esecuzione degli esercizi.

Inoltre, entrare in gara sapendo di essere tra le favorite e quindi avere su di sé non solo la pressione degli esercizi e delle Olimpiadi in sé che è già enorme, ma anche quella delle aspettative di tutti i propri tifosi deve essere difficile se non si è mentalmente lucidi.

Le dichiarazioni della ginnasta statunitense umanizzano molto la figura degli atleti, e delle persone famose in generale.
In un mondo in cui si tende ad andare sempre oltre sé stessi, a raggiungere la perfezione è giusto ricordare che in realtà siamo esseri umani e che come tali anche noi abbiamo bisogno di dire no, perché a volte dire no al mondo significa dire si sì a se stessi.

Voi cosa ne pensate?

Aspettiamo i vostri commenti!

Influenzate il vostro mondo!

Team Toluna
Reply

polda68

  2 months ago
Scelta condivisibile
0 comments

Raffaelladimotta

  2 months ago
Umana e comprensibile la sua rinuncia. Tutta la mia solidarieta'.
0 comments

giusi74

  2 months ago
Sono pienamente d'accordo con quest'atleta. Se si attraversa un periodo di fragilità' emotiva, e' meglio lasciar perdere tutti e ritrovare se stessi per poter affrontare il mondo
0 comments

Ileniagatta99

  2 months ago
Penso che l'atleta abbia fatto bene a ritirarsi dalla gara, perchè a volte si commette l'errore di dare la priorità e l'importanza ad effettuare performance perfette, a concentrarsi sulla vittoria, facendo sforzi mentali e fisici estremi, che ti danneggiano totalmente, questo dimostra che la salute prevale su tutto, poiché senza di essa non potremmo fare niente, è essenziale riposarsi senza superare i propri limiti.
Gli atleti stanno dando il massimo in questa stagione di Olimpiadi considerato l'evento straordinario, imperdibile a volte se non si raggiunge l'obiettivo prestabilito ci si può sentire tristi e frustrati, ma bisogna essere felici di avere dato sè stessi in quel frangente di tempo, anche se si perdesse hai comunque ottenuto una vittoria personale per tutti i sacrifici effettuati e i duri allenamenti
0 comments

eduardodantuono

  2 months ago
giusto quello che ha fatto
0 comments

S777999

  2 months ago
È giusto crearsi il proprio spazio e tempi...
0 comments

iamwomaninlove

  2 months ago
scelta giusta
0 comments

N5668365n

  2 months ago
Se Lei lo ha deciso, penso che abbia fatto la scelta giusta.
0 comments

bismeri

  2 months ago
Complimenti a questa atleta, non dev'essere stato facile neanche annunciare il ritiro, tutta la mia solidarietà
0 comments

Lilicoco

  2 months ago
Sono d'accordo. Il difficile è capire quando ci chiedono troppo e quando ci chiedono quello che è giusto. Come si fa a stabilire qual è la giusta quantità di qualsiasi cosa? Quanto affetto devo dare ad un bambino? c'è una quantità? Chi determina il giusto: chi dà o chi riceve? Chi chiede o chi corrisponde? La misura globale è il denaro, innegabilmente, con piccole eccezioni, ma ovunque il giusto è determinato in denaro. Anche la salute mentale! Qual è il prezzo dell'equilibrio mentale?
0 comments
Copied to clipboard

4   Followers

You’re almost there

In order to create content on the community

Verify your Email / resend
No thanks, I’m just looking

OK
Cancel
We have disabled our Facebook login process. Please enter your Facebook email to receive a password creation link.
Please enter a valid Email
Cancel
We're working on it...
When you upload a picture, our site looks better.
Upload